Ore di sonno del bambino

ore di sonno del bambino

Quante ore di sonno deve fare un bambino?

Questa la domanda che ci poniamo molto spesso noi mamme, quando nostro figlio dorme poco.

Il fabbisogno di sonno non è uguale in tutti i bambini, ma ci sono dei valori di riferimento da poter prendere in considerazione.

Il bisogno di sonno nel bambino è influenzato da diversi fattori: il temperamento, l’età (più sono piccoli più hanno necessità di dormire), gli stimoli esterni ricevuti, l’atmosfera familiare (se c’è serenità in casa è più probabile che il piccolo dorma di più e si svegli di meno durante la notte).

Appena nati i bambini non sono in grado di distinguere il giorno dalla notte.

Hanno bisogno di dormire e mangiare spesso, difficilmente dormirà per più di 4 ore consecutive e quando si sveglierà sarà sicuramente affamato.

E’ bene sin da piccoli, intorno ai 3 mesi di vita, iniziare a regolare il loro ritmo sonnoveglia con delle semplici regole, parlargli molto durante il giorno anche quando mangia, mentre la notte non parlare e non tenere accessa una luce molto forte.

Ore di sonno del bambino

Quando inizia lo svezzamento poi, dando un orario regolare ai pasti e all’ora del riposino e della nanna, il bambino capirà la differenza tra il giorno e la notte.

E’ consigliato la sera dare l’abitudine intorno alle 20 di fare il bagnetto, per rilassarlo e consentirgli di avere un sonno più lungo di notte.

(altro…)

Gioca e vinci con Hatchimals

Gioca e vinci con Hatchimals

Gioca e vinci con Hatchimals e Supertv

Vi segnalo un altro concorso dedicato ai bambini, questa volta indetto da De Agostini Editore Spa proprietario del canale Supertv, insieme a Spin Master Italia, dove si potrà vincere un bel soggiorno per tutta la famiglia al parco Zoom di Torino.

E’ un concorso dedicato ai bambini dai 4 ai 14 anni di età.

Fate collegare i vostri ragazzi, sotto la vostra assistenza, al sito del concorso , dopo aver compilato alcuni dati e validato la registrazione cliccando sul link inviato per email, si potrà giocare ad un game.

Verrà visualizzata un’immagine di Marino (mascotte di Super) in compagnia dell’uovo Hatchimals. L’immagine però sarà incompleta e i partecipanti dovranno scegliere, tra 4 opzioni diverse tra loro, il pezzo mancante dell’immagine.

Ogni partecipante può giocare una sola volta al giorno ma può giocare tutti i giorni.

Gioca e vinci con Hatchimals

Premi

Ci sono in palio ben 26 premi:

1 estratto:

un buono-soggiorno per tutta la famiglia (2 adulti + 2 bambini di età max 14 anni) al parco Zoom di Torino, comprensivo di:

– n. 1 notte in un hotel 3/4 stelle convenzionato con il Parco

– pranzo all’interno del Parco

– tassa di soggiorno per 2 adulti

– n. 4 ingressi per 2 giorni consecutivi al Parco

– accoglienza e breve tour dietro le quinte (1 giorno)

– esperienza “diventa falconiere” per tutta la famiglia (1 giorno)

– 2 giocattoli Hatchimals.

dal 2 al 26 estratto:

– un giocattolo Hatchimals.

Avete tempo di giocare fino al 7 ottobre.

L’estrazione finale avverrà il 21 ottobre.

Hamburger di quinoa e fagioli

hamburger di quinoa e fagioli

Hamburger di quinoa e fagioli per tutta la famiglia

Chi segue da un pò le mie ricette, sa che mi piace sperimentare ricette nuove e sopratutto che siano sane.

Cerco di variare l’alimentazione il più possibile, alternando carne, pesce, uova e legumi nell’arco della settimana.

Questa volta ho realizzato un’altra ricetta con la quinoa, gli hamburger di quinoa e fagioli.

hamburger di quinoa e fagioli

Un piatto sano, gustoso ed energetico, che è piaicuto a tutti in famiglia, compresa Beatrice che non ama sperimentare cibi nuovi, ma questa volta (con mia grandissima sorpresa) se l’è divorato.

Qui trovate  anche la ricetta delle polpette di quinoa zucchine e bieta.

Cos’è la quinoa

La quinoa è un erbacea, anche se in tanti la considerano come un cereale per il suo elevato contenuto di carboidrati e proteine.

(altro…)

Concorso Disegna un pidocchio con Radio Italia

concorso disegna un pidocchio con Radio Italia

Concorso indetto da Radio Italia con Aftir “Disegna un pidocchio”

Oggi vi segnalo un concorso indetto da Radio Italia, che avrete capito dal titolo, è tutto un programma!

I pidocchi sono il terrore di tutti noi genitori.

Quando a scuola inizia a diffondersi la notizia che ci sono casi di pediculosi, noi genitori iniziamo a controllare per bene le teste dei nostri bimbi e a cercare di prevenire il “contagio”.

Le mie bimbe ancora non li hanno mai presi, ma sono terrorizzata all’idea, e mi sono resa conto che ho trasmesso anche a loro questo terrore, ma almeno così a scuola vanno con i capelli legati.

Concorso Disegna un pidocchio

concorso disegna un pidocchio con Radio Italia

Trovo questo concorso molto carino, per partecipare dovrete far disegnare un pidocchio ai vostri bimbi (e sono sicura che usciranno dei disegni molto divertenti) e caricarlo sul sito di Radio Italia.

Avrete tempo per farlo fino al 2 Ottobre.

Il disegno più votato vincerà un weekend per quattro persone nel parco divertimenti di Leolandia (ingresso al parco, 1 notte in albergo e 2 pasti a persona nel parco).

Il vincitore verrà decretato il 14 ottobre.

Anche chi voterà potrà vincere, con estrazione casuale, una fornitura di prodotti comsetici Meda Pharma del valore di € 100.

Buon divertimento e buona fortuna!

 

 

Parto naturale dopo cesareo

parto naturale dopo cesareo

E’ possibile avere un parto naturale dopo un cesareo?

Questa è la domanda che molte donne si pongono dopo aver avuto un primo bambino nato con parto cesareo.

Vediamo insieme quando è possibile.

Si parla tecnicamente di VBAC, dall’acronimo inglese che sta per Vaginal Birth After Cesarean (‘parto vaginale dopo cesareo’).

Le Linee guida sul taglio cesareo dell’Istituto superiore di sanità sono molto chiare e dicono che, in assenza di controindicazioni specifiche, la possibilità di un VBAC deve essere offerta a tutte le donne.

Questo non significa che tutte le donne con pregresso parto cesareo possono fare un parto naturale, ma conunque si deve dare a tutte l’opportunità di provarlo con un travaglio di prova.

I presupposti per un parto vaginale dopo taglio cesareo sono diversi: occorre effettuare una visita prenatale, nel corso della quale si valuterà l’indicazione al precedente cesareo, i rischi relativi al cesareo ripetuto ed al travaglio di prova. La volontà della donna verrà annotata in cartella clinica, e dovrà essere firmato un consenso informativo, da presentare al momento del ricovero per l’insorgenza delle doglie.

Secondo gli studi 3-4 donne su 5 che provano un VBAC partoriscono con parto naturale, le restanti dovranno affrontare un nuovo cesareo.

Il travaglio di una donna che ha avuto un precedente parto cesareo, deve essere seguito attentamente, tramite monitoraggio cardiotocografico continuo ed è consentito l’uso dell’analgesia epidurale.

Perchè tentare un VBAC?

(altro…)

10 idee regalo neomamma dal papà

10 idee regalo neomamma dal papà

Dal più classico al più originale, ecco dieci idee regalo che il papà può fare alla neomamma alla nascita del loro figlio

La gravidanza è un periodo bellissimo nella vita di una famiglia.

Dal momento del test positivo è un susseguirsi di emozioni forti, sogni e progetti su come sarà la vita con il proprio bambino.

Nel momento in cui il piccolo nasce si è in uno stato di felicità assoluta, e molto spesso i papà vogliono suggellare questo momento così speciale con un regalo alla neo mamma.

Mi ricordo che gli ultimi mesi della gravidanza con mio marito parlavamo del possibile regalo, e uscirono diverse idee.

Con grande sorpesa ho ricevuto una bellissima collana con il ciondolo LeBebè con inciso il nome di Giorgia.

In occasione della nascita di Beatrice questa collana si arricchita con un altro “prezioso” ciondolo.

10 idee regalo neomamma dal papà

Le idee regalo possono essere diverse, dalle più originali alle più classiche, dalle più costose alle meno costose.

Ecco un elenco di regali post parto che il papà può fare per emozionare e stupire la neomamma:

(altro…)

Pancake light

Sul web si sta diffondendo tanto l’abitudine di preparare la colazione con i pancake.

Io li mangiavo tutti i giorni quando siamo stati in viaggio di nozze in Australia, ne ero letteralmente ghiotta.

Fino ad oggi non li avevo mai preparati.

La ricetta originale vede l’utilizzo del burro, le uova e il latte, ma come sapete io cerco sempre di realizzare ricette light che non siano troppo caloriche per noi e per le bimbe.

Pancake light

Così ho realizzato questa semplice e veloce ricetta dei pancake light.

Utilizzando solo farina, zucchero, acqua, lievito, olio e sale.

Non avevo a disposizione la farina integrale, ma vi consiglio per renderli ancora più light di utilizzare la farina integrale e lo zucchero di canna.

Il risultato è ottimo, rimangono morbidi e gustosi.

pancake light

Ingredienti per 12 pancake

(altro…)

Cosa vedere nel Salento con bambini

cosa vedere nel salento con bambini

Come vi ho raccontato in questo post le prime due settimane di agosto siamo stati in vacanza nel Salento, avendo parecchio tempo a disposizione, non abbiamo fatto solo vita di mare ma ci siamo lasciati affascinare delle bellezze artistiche di questa terra ricca di storia.

Pur avendo due bambine piccole, non ci siamo fatti scoraggiare dall’idea di dover girare per diverse ore con prole (a volte urlante) al seguito.

Con mio marito siamo convinti che bisogna educare i bambini sin da piccoli a viaggiare e ad appassionarsi all’arte, solo così diventeranno degli adulti interessati a scoprire nuovi luoghi e nuove culture.

Cosa vedere nel Salento con bambini

Vi racconto cosa vedere nel Salento con i bambini (e non solo), quelle città e borghi che meritano assolutamente una visita.

  • Santa Maria di Leuca

Non è la prima volta che la visitavamo, ma ci ha nuovamente sorpreso per la sua bellezza.

Il punto migliore per osservarla è dall’alto, dal faro e dalla bellissima Basilica santuario di Santa Maria De Finibus Terrae.

cosa vedere nel salento con bambini

Ha un fascino tutto particolare anche di notte, è come immergersi in una atmosfera particolare, qui si dice che in alcune ore del giorno si può vedere l’incontro dei due mari.

cosa vedere nel salento con bambini

  • Otranto

“Una piccola perla che si affaccia sull’Adriatico”.

Otranto è il punto più ad est della penisola italiana.

Muniti di passeggino per Beatrice, che si sono litigate perché voleva andarci anche Giorgia (vi lascio immaginare dover gestire sotto il sole cocente due bambine capricciose), ci siamo addentrati nel centro storico, tutto in salita, alla scoperta del Castello cinquecentesco con il suo fossato.

Ci siamo diretti poi alla Cattedrale di Santa Maria Annunziata realizzata nel 1068, la spettacolarità sta nell’incredibile mosaico pavimentale che copre tutta la navata centrale e in parte anche le laterali, che rappresenta l’Albero della Vita.

cosa vedere nel salento con bambini

Questo meraviglioso mosaico parte con le spalle di due elefanti per poi risalendo, diventare un grande tronco d’albero, da cui si sviluppano numerosi animali di ogni specie sia reali che mitologici. Proseguendo sono rappresentante anche alcune scene relative alla vita di Noè fino alla costruzione dell’Arca, alcune scene bibliche assieme ad altre del ciclo bretone.

L’intento del mosaico è indicare un percorso rassicurante che porta dal peccato alla salvezza.

Abbiamo infine passeggiato lungo le mura della città per osservare dall’alto il porto con il mare di un colore spettacolare.

(altro…)

Biscotti integrali

Siete stanche dei biscotti super grassi che comprate al supermercato?

Volete qualcosa di leggero e genuino?

Dovete assolutamente provare questi biscotti integrali, fatti con olio, uova e miele al posto dello zucchero.

Io ne ho fatte due teglie di cui una aromatizzata alla cannella, perché a casa amiamo il suo sapore.

Sono dei biscotti light da preparare in casa, ideali per chi sta attento alla linea e vuole mangiare prodotti genuini senza dover rinunciare al dolce.

Si preparano in poco tempo, utilizzando l’impastatrice o il robot da cucina, ma io visto che non ho l’impastatrice e il robot mi ha abbandonato (ne sto cercando uno da tempo!) ho preparato la pasta frolla con lo sbattitore con le fruste per impastare.

Anche Giorgia e Beatrice mi hanno aiutata, a tagliare i biscotti con le formine a forma di cuore e stella e ogni volta che mi aiutano in cucina sono super felici di “fare le cose da grandi”.

Biscotti integrali

Ingredienti:

(altro…)

Vacanza nel Salento con bambini

Vacanza nel Salento con bambini

La Puglia e il Salento, in particolare, è una terra meravigliosa.

Mare cristallino, entroterra rurale affascinante e città dalla bellezza unica.

La nostra vacanza nel Salento con bambini

Le prime due settimane di agosto le abbiamo trascorse nel basso Salento, abbiamo affittato una casa a Marina di Pescoluse, le famose Maldive del Salento, sul sito Mediavacanze (ci sono tantissimi appartamenti in affitto a prezzi davvero economici) il nostro era un appartamento grande a pochi passi dal mare con tutte le comodità che possono servire a noi mamme (lavatrice, doccia esterna, terrazzino per mangiare e aria condizionata) per non parlare del proprietario, una persona gentilissima e davvero ospitale.

Non era la prima volta che venivamo nel Salento, già tre anni fa con Giorgia piccola e Beatrice nella pancia, abbiamo trascorso una settimana a Gallipoli  e mi ricordo benissimo che abbiamo lasciato “questa terra” con la promessa che saremmo presto tornati in quattro…ed eccoci qui.

Questa volta avendo due settimane a disposizione possiamo dire di averlo girato un bel po’, abbiamo alternato giornate di mare pieno a giornate dedicate alla cultura, visitando le città più importanti della zona, per ammirare le bellezze artistiche, queste però meritano un post ad hoc.

Oggi invece vi voglio mostrare le spiagge che secondo noi sono più adatte ai bambini, e delle cucina pugliese, con qualche suggerimento se vi trovate in zona su alcuni locali davvero ottimi sia per qualità che prezzo.

Le  Spiagge adatte ai bambini

Sul lungomare di Marina di Pescoluse, c’è una lunga spiaggia libera attrezzata, dove si possono noleggiare lettini e ombrelloni, a noi non è molto piaciuta perché sempre piena di gente e il mare il pomeriggio tendeva ad intorbidirsi, comunque la spiaggia è molto pulita e il mare bassissimo per tantissimi metri, l’ideale per i bambini.

La spiaggia in cui abbiamo trascorso la maggior parte del tempo l’abbiamo scoperta così per caso, un giorno abbiamo preso la macchina e ci siamo diretti verso gli stabilimenti più fighettini della zona, come quello delle Maldive del Salento, che si riconosce dalla grandissima sdraio che si trova all’ingresso dove tutti si fermano per fare le foto, Manipoora e Le Cinque Vele, poco dopo averli superati girando alla seconda traversa a sinistra si trova una piccola strada sterrata alla fine della quale si costeggia un canale e poco dopo c’è un grande parcheggio, proprio li davanti c’è una bellissima spiaggia libera, acqua cristallina e fondale bassissimo, non era molto affollata e per questo si stava benissimo, vicinissimo c’è il Chiosco Dory per rifocillarsi ed andare in bagno (o per noleggiare lettini e ombrelloni).

Vacanza nel salento con bambini

Vacanza nel salento con bambini

Un’altra spiaggia che ci avevano consigliato tutti di visitare è quella di Torre San Giovanni, qui abbiamo preferito uno stabilimento perché la spiaggia libera era davvero super affollata; il mare è un incanto, acqua cristallina e prima di raggiungere un fondale alto bisogna fare parecchi metri, quindi l’ideale per i bambini e per la tranquillità di noi genitori.

Vacanza nel salento con bambini

(altro…)

}