In una bella domenica di Maggio, abbiamo trascorso una bellissima anche se impegnativa (con quel terremoto di figlia che ci ritroviamo!) giornata al Bioparco di Roma.

Il Bioparco è stato inagurato nel 1911, inizialmente si chiamava Giardino Zoologico, come si può ancora notare dalla scritta all’ingresso.

IMG_2854

Nel corso degli anni ha subito notevoli cambiamenti ma quello più radicale è avvenuto nel 1998 con il passaggio da giardino zoologico a Bioparco, dove gli animali non sono tenuti più in gabbie strette ma in zone abbastanza ampie che riproducono il più possibile il loro habitat naturale.

Dopo aver fatto un po’ di fila alle casse e aver dato da mangiare alla piccola Beatrice, in modo da poter girare più tranquillamente per almeno 3/4 h, siamo entrati e il primo saluto lo abbiamo fatto alle giraffe,  che mangiavano in tutta tranquillità, le si possono osservare anche da una terrazza in modo da essere più o meno alla loro altezza!

Addentrandosi si incontrano i canguri con gli emu e dall’altra parte le zebre, che a Giorgia hanno ricordato il cartone Zou di Rai Yoyo ed abbiamo iniziato a cantare la sigla!

Poi è stata la volta dei lemuri, e li abbiamo fatto un incontro dolcissimo e inaspettato, mio marito ha sentito un cinguettio delicatissimo e guardando in un cespuglio ha trovato un piccolissimo uccellino, che molto probabilmente era caduto da un albero, lo ha preso in mano e fatto vedere a Giorgia, che lo ha voluto accarezzare e tenere in mano anche lei, poi visto che non sapeva volare lo ha messo in un luogo tranquillo lontano dai passanti e dalla zona degli animali….chissà se la propria mamma è riuscito a ritrovarlo?!?! Noi ce lo auguriamo vivamente!

IMG_2839

IMG_2841

Abbiamo fatto un saluto veloce alle foche che dormivano per poi dirigerci verso le tigri.

Arrivata l’ora del pranzo ci siamo diretti verso la zona del lago, attrezzata con tavoli e sedie e giochi per i bambini, ma non abbiamo trovato posto, così abbiamo proseguito il giro con la speranza di trovare un altro posticino tranquillo e all’ombra dove poter mangiare.

Lungo il tragitto abbiamo salutato i leoni, che però dormivano tranquilli, gli ippopotami e gli elefanti, di cui Giorgia aveva un po’ paura vedendoli forse così mastodontici, qui abbiamo assistito mentre uno di loro con la proboscide si cospargeva il corpo di terra.

IMG_2848

Finalmente quasi davanti ai cammelli, abbiamo trovato una panchina all’ombra e ne abbiamo approfittato per mangiare la nostra pasta fredda!

IMG_2849

Dopo pranzo, con tanto di cambio pannolino di Beatrice sulla panchina che ho attrezzato con il fasciatoio portatile, siamo andati a visitare gli orsi che dormivano beatamente all’ombra.

Passando sotto un arco e dopo una camminatina in salita ci siamo diretti verso il rettilario, qui siamo entrate solo io e Giorgia, perché non si poteva entrare con il passeggìno della piccola, così mio marito ne ha approfittato per riposarsi un pò; dentro è ricostruito abbastanza fedelmente l’habitat di uccelli tropicali coloratissimi, coccodrilli e c’è una zona con numerose teche di vetro di grandezze differenti con testuggini, rane, insetti di varie specie e serpenti di ogni genere.

Da quest’anno il Bioparco ospita in una zona ad hoc i Draghi di Comodo (bellissimi!) qui c’erano dei ragazzi simpaticissimi che spiegavano a bimbi e grandi le caratteristiche di questo animale così curioso!

Abbiamo poi fatto un giro alla grande voliera e salutato gli oranghi e gli scimpanzé che dormivano all’ombra.

Verso le 15 Giorgia ha iniziato ad essere molto stanca tant’è che l’abbiamo messa nell’ovetto di Beatrice e si è addormentata, mentre la piccola era in braccio a noi,  così ci siamo diretti verso l’uscita.

Abbiamo trascorso una bellissima giornata e vedere gli occhi di Giorgia brillare di gioia e salutare tutti gli animali che incontravamo ci ha reso tanto felici!

IMG_2853

Durante tutta la giornata abbiamo incontrato qua e là liberi nel parco tantissimi pavoni con code grandissime e dai mille colori!

All’interno del Bioparco ci sono diversi caffè, ristoranti e uno shop.

Vi sono anche delle area a pagamento come: Farfalle e Co. e Pesci Alieni, che noi non abbiamo visitato.

Il prezzo del biglietto, ahimè è un po’ caro, € 15 a persona e ridotto € 12 (bimbi fino a 12 anni, over 65, militari e forze dell’ordine, gruppi con minimo 15 paganti).

Il Bioparco si trova in Piazzale del Giardino Zoologico n. 1 (Villa Borghese) qui potete consultare la mappa su come arrivare.

All’entrata inoltre viene data una mappa con gli orari per vedere il pasto di alcuni animali.

Per tutte le info potete visitare il sito www.bioparco.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.