Domenica scorsa consapevoli del fatto che avremmo trascorso tutta la giornata in casa, causa figlia “grande” malata, approfittando delle ore in cui la febbre è scesa grazie al paracetamolo, e quindi l’effetto “cozza” non era così forte, ho preparato per pranzo: riso e lenticchie.

Le lenticchie fanno benissimo, sono ricche di fibre, ferro, fosforo, sali minerali e vitamine, sono considerate fin dai tempi antichi la carne dei poveri; sono indicate per prevenire l’arteroscleresi, per il corretto funzionamento dell’apparato intestinale e per equilibrare il colesterolo; contengono anche degli antiossidanti molto importanti.

Hanno anche la proprietà di fungere da potente equilibratore del sistema nervoso, con azione antidepressiva e antipsicotica.

Gradito da tutti, Giorgia se ne è mangiato un bel piattone senza fare un fiato, grande soddisfazione visto che quando è malata mangia pochissimo.

La ricetta è semplice e veloce, a noi piace asciutta ma può essere fatta a minestra aggiungedo più acqua nella fase di cottura.

Riso d lenticchie

Ingredienti per 4 persone:

250 gr di lenticchie
1 carota
1 costa di sedano
1 cipolla
2/3 pomodorini
sale q.b.
olio evo qb
300 gr di riso arborio (la quantità di riso ideale per una persona adulta è di 90 gr)
spolverizzata di parmigiano reggiano

Preparazione:

Controllare e sciacquare bene le lenticchie. In una casseruola mettere insieme all’olio, la carota, il sedano e la cipolla tritati finemente e i pomodorini, mettere le lenticchie e coprirle con acqua (regolatevi voi a secondo se vi piace più asciutta o più liquida, io ho messo più della metà del volume delle lenticchie) fatele cuocere per 20/30 min, fin quando non saranno morbide. Quando inizia il bollore aggiungere il sale grosso.
Cuocere il riso direttamente nell’acqua con le lenticchie.
Versate il riso e lenticchie nei piatti e aggiungere olio evo e una spolverizatta di parmigiano reggiano.

Riso e lenticchie

Buon appetito!!!

Bio

Bis mamma di due bimbe di 22 mesi di differenza, con la passione per la cucina e i viaggi formato famiglia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *